Diastasi addominale: cos’è? - Centro Sarai
loader
Che cos’è la Diastasi Addominale?

Per Diastasi Addominale si intende:

separazione eccessiva tra il muscolo retto dell’addome dx e sn, caratterizzata da un cedimento della fascia di tessuto connettivo che li contiene (linea alba).

Si può considerare patologica quando questa distanza supera i 2-2,5 cm.

Generalmente colpisce soprattutto le donne e in alcuni casi anche gli uomini, i neonati prematuri e i bambini.

Tutt’ ora risulta una patologia ancora poco nota e a causa della sua molteplice sintomatologia la diagnosi non è sempre immediata. Di grande sostegno alla formulazione di una diagnosi sono le circostanze in cui è possibile che si sviluppi. I maggiori fattori di rischio sono rilevati in gravidanza ma c’è possibilità anche che possa svilupparsi in altri momenti della nostra storia clinica.

I FATTORI DI RISCHIO che aumentano la possibilità di sviluppo della diastasi addominale in gravidanza sono:

– feto con un peso elevato
– età superiore ai 35 anni
– gestazioni multiple
– multiparità
– parto cesareo

N.B: In Gravidanza la diastasi addominale è assolutamente fisiologica in quanto deve consentire al feto di espandersi senza ostacoli. Si può parlare di patologia se la diastasi persiste dopo circa 10-12 mesi dal parto.

Altre cause di sviluppo non imputabili alla gravidanza sono:

– indebolimento muscolare e sedentarietà (ipotonicità)
– eccessiva attività fisica (ipertonicità)
– squilibrio pressorio tra addome e torace
– atteggiamenti posturali scorretti
– sovrappeso
– anzianità
– tosse cronica

I sintomi e le conseguenze della presenza della Diastasi, come dicevamo, sono molto comuni. Ciò comporta difficoltà nel riconoscerla e richiede attenzione alla storia clinica e quotidiana del paziente:

– mal di schiena
– dolori alle ànche e al bacino
– postura in iperlordosi
– gonfiore che si accentua dopo i pasti
– peristalsi molto evidente a occhio nudo
– difficoltà digestive
– ernia ombelicale
– nausea
– senso di pesantezza al pavimento pelvico
– problematiche a livello urogenitale
– difficoltà respiratorie
– difetto estetico: grinze cutanee in rilassamento; gonfiore in contrazione (“cresta” in corrispondenza della linea alba)

Un aiuto valido per la diagnosi  ci può arrivare dall’effettuarsi di un’ecografia muscolo tendinea della parete addominale, di una visita chirurgica o di una valutazione manuale

Per il trattamento è fondamentale un approccio multidisciplinare. Consigliati e spesso necessari sono:

– Esercizi mirati al riequilibrio delle pressioni interne e della colonna vertebrale e alla tonificazione della muscolatura  addominale e pelvica (es: ginnastica Ipopressiva)
– Alimentazione adeguata
– Trattamento osteopatico
– Intervento chirurgico nei casi più gravi

Verrai reindirizzato al sito  AlfaDocs
Vieni in macchina? Puoi lasciarla al File:Italian traffic signs - parcheggio.svg - Wikipediaarcheggio del Supermercato Iperlaspesa
Dott.ssa Giulia Capomagi

Dottoressa in Scienze Motorie e Osteopata, post graduate sulla Gravidanza e problematiche femminili. Specializzata in Ginnastica Addominale Ipopressiva, riabilitazione della Diastasi Addominale e Osteopatia Pediatrica.

VALUTAZIONE DIASTASI E POSTURALE

Una valutazione di 30 minuti con la dott.ssa Giulia Capomagi – osteopata.

Dove: Presso lo studio in via Clemente X 20A (Zona Pineta Sacchetti)

Costo: €40,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *